Estero: Negoziazione assegni di conto estero

Descrizione
DESCRIZIONE PRODOTTO o SERVIZIO

La gestione di assegni esteri di tipo commerciale (sono esclusi gli assegni turistici) si distingue in :
1) negoziazione salvo buon fine
2) cessione al dopo incasso. 
Nel primo caso, l'assegno viene negoziato salvo buon fine (s.b.f.) e cioè accreditando subito il conto corrente in Euro o altra valuta del cliente. In questo caso la Banca anticipa una somma che non ha la certezza di incassare, in quanto il titolo potrà risultare scoperto nella sua disponibilità, alterato o falsificato.
Nel secondo caso (cessione al dopo incasso), la Banca accredita sul conto del cliente l'importo dell'assegno (in Euro o altra divisa) solamente all'avvenuto incasso dello stesso e cioè quando la corrispondente Banca estera metterà a disposizione l'importo eventualmente decurtato delle spese di incasso trattenute.
Sia che si adotti l'una o l'altra gestione, si precisa che un assegno estero può essere stornato dalla Banca trassata anche dopo che ne è stato comunicato il "pagato"; in alcuni casi ciò può avvenire anche uno o più anni successivi alla data d'estinzione dell'assegno, ad esempio a seguito di vizi di forma o alterazione del titolo.
Inoltre, in alcuni paesi vige l'istituto dello "stop payment" per il quale un  assegno può essere bloccato prima di essere pagato, a semplice richiesta del traente, anche una volta che sia stato emesso regolarmente.
I requisiti e gli effetti del protesto possono essere sostanzialmente differenti tra uno Stato ed un altro.

Il cliente deve presentare l'assegno utilizzando il MODELLO 2 EST allo sportello compilato come segue:
- il tipo di accredito richiesto (s.b.f. e al dopo incasso)
- il nome del cliente cedente
- gli estremi dell'assegno (banca trassata, piazza, numero assegno)
- il conto corrente da accreditare
- gli eventuali anticipi da estinguere
- le eventuali informazioni per l'espletamento delle formalità valutarie.

1) Negoziazione e accredito SBF: La negoziazione degli assegni esteri in valuta differisce da quella degli assegni esteri in euro.
- ASSEGNI IN VALUTA: se non si intende convertire l'assegno in euro, questo non può essere accreditato sul conto in divisa con la valuta prestabilita.. Nella negoziazione degli assegni in valuta, qualora ne venga richiesto il controvalore in euro, viene usualmente applicato il cambio vigente al momento della contrattazione.
- ASSEGNI IN EURO: gli assegni di conto estero espressi in euro possono essere tratti su banche sia italiane che estere. La distinzione produce effetti sulla valuta d'accreditamento. Anche sugli introiti tramite assegno vengono addebitate le commissioni di servizio. Se gli assegni esteri si riferiscono a pagamenti di fatture che la banca aveva precedentemente anticipato al cliente, questi andranno a decurtare o ad estinguere i relativi anticipi.

2)  Cessione al dopo incasso: in questo caso la banca accredita l'importo al cliente solo ad incasso avvenuto.

CODICE PRODOTTO
Negoziazione assegni di conto estero
Caratteristiche
SEGMENTI CLIENTELA
Privati
Imprese
SEGMENTI CLIENTELA (dettaglio)
Privati
Imprese
CLIENTI POTENZIALMENTE INTERESSATI
Clienti che operano con l'estero.
ESIGENZE del CLIENTE
Riscossione assegni esteri.
Condizioni Economiche
COMMISSIONE di INCASSO
Commissione secca € 7,00 massimo
COMMISSIONE di INSOLUTO
€ 20,00 massime per recupero spese
SPESE e COMMISSIONI VARIE

Commissione di servizio/negoziazione per assegni espressi in  euro e/o divisa negoziati s.b.f. su conto corrente espresso in euro: 1,50 per mille (sull'importo dell'assegno) con un minimo di € 3,00

 

VALUTE

VALUTE di ACCREDITAMENTO per NEGOZIAZIONE di ASSEGNI S.B.F.:
- assegni bancari o circolari in Euro tratti su sportelli bancari situati in Italia: Data operazione + n. 10 giorni lavorativi
- assegni bancari o circolari in Euro tratti su sportelli bancari situati all'estero: Data operazione + n. 10 giorni lavorativi
- assegni bancari o circolari in Divisa estera e travelers cheques tratti su sportelli bancari situati nei paesi della divisa: Data operazione + n. 10 giorni lavorativi
- assegni bancari o circolari in Divisa estera tratti su sportelli bancari differenti rispetto alla divisa: Data operazione + n. 11 giorni lavorativi

Note
NOTE descrittive e/o aggiuntive
Principali rischi:
- Mancato pagamento degli assegni posti all'incasso o negoziati salvo buon fine.
- Rischio di tasso di cambio per le disposizioni di incasso e pagamento da effettuarsi in valuta estera.
- Rischio per instabilità politica, economica, giuridica, nel paese del trassato (rischio paese).
Altre informazioni
FAMIGLIA PRODOTTO
Estero
TIPOLOGIA PRODOTTO
Estero
PUNTI di FORZA COMMERCIALI

 

VANTAGGI per la BCC
Commissioni.
COMMERCIALIZZABILE
Si
PAROLE CHIAVE
estero
servizi vari
 

Documenti Allegati
(15/10/2020) Negoziazione assegni estero